Anime 100
DB 100

 

Dragonball Forever
Top Manga

 

 

  visite dal 22/10/2006

 

 

 

   
 

Documento senza titolo

Dragon Ball Super è un anime tratto dal manga Dragon Ball, prodotto 18 anni dopo la fine della trasmissione dell'ultima serie in ordine di tempo, ovvero Dragon Ball GT, conclusosi nel 1997. Piuttosto che continuare la storia narrata in GT, Super si profila come un seguito degli eventi collocati prima della fine del manga originale e dell'anime Dragon Ball Z, situati nei 10 anni di buio posti tra il 517º e il 518º capitolo del manga, e tra il 288º e il 289º episodio della serie.

Akira Toriyama, autore del manga originale, è responsabile del soggetto generale e del character design di base del nuovo anime, che è diretto da Kimitoshi Chioka (fino all'episodio 46), che già aveva collaborato allo storyboard de La battaglia degli dei, da Morio Hatano (quest'ultimo affianca Chioka dal 33º episodio in poi), in seguito da Kohei Hatano (che affianca M. Hatano dal 68° episodio), infine i due Hatano vengono sostituiti da Tatsuya Nagamine (che già aveva collaborato come assistente alla regia nella serie GT e nel film Il cammino dell'eroe, oltre che alle sigle del primo Dragon Ball KAI) e da Ryōta Nakamura (regista già di alcuni episodi di Super) a partire dall'episodio 77, dal quale insieme alla nuova sigla d'apertura sono apportati alcuni cambiamenti stilistici nella palette dei colori.

Il character design e la supervisione all'animazione di Super è ad opera del veterano Tadayoshi Yamamuro, che già in passato aveva lavorato alle animazioni di diversi episodi dei vecchi anime della serie, oltre che su gran parte dei film dell'epoca, e infine come capo-animatore e character designer principale de La battaglia degli dei e La resurrezione di F, e di tutti gli speciali e OAV di Dragon Ball dal 2008 in poi. Il produttore di Toei Animation, Atsushi Kido, aveva già lavorato su Dragon Ball Z per un breve periodo durante l'arco di Freezer, mentre il produttore di Fuji Television Osamu Nozaki ha affermato di essere un fan della serie fin dall'infanzia.

La colonna sonora è composta da Norihito Sumitomo che già aveva creato le musiche per i recenti film e per l'ultima parte di Dragon Ball Kai. Le sigle di apertura sono: Chōzetsu☆Dynamic! (超絶☆ダイナミック! Chōzetsu Dainamikku) di Kazuya Yoshii dei The Yellow Monkey (episodi 1-76); Genkai Toppa×Survivor (限界突破×サバイバー Genkai Toppa Sabaibā) di Kiyoshi Hikawa (episodi 77-?). Le sigle finali sono: Hello Hello Hello (ハローハローハロー Harō Harō Harō) dei Good Morning America (episodi 1-12); Starring Star (スターリングスター Sutāringu Sutā) dei KEYTALK (episodi 13-25); Usubeni (薄紅) dei Lacco Tower (episodi 26-36); Forever Dreaming dei Czecho No Republic (episodi 37-49); Yoka Yoka Dance dei Batten Shōjo-Tai (episodi 50-59); Chao Han Music (炒飯MUSIC Chāhan Myūjikku) di Arukara (episodi 60-72); e Aku no tenshi to seigi no akuma (悪の天使と正義の悪魔?) dei The Collectors (episodi 73-?). Il testo di Chōzetsu☆Dynamic! è stato scritto da Yukinojo Mori, già autore di numerose canzoni del franchise


ANIME
Il 14 giugno 2015 viene mostrato in anteprima un teaser trailer sulla nuova serie durante la messa in onda della puntata 157 di Dragon Ball Kai. La serie va in onda ogni domenica mattina su Fuji Television dal 5 luglio 2015, in sostituzione di Dragon Ball Kai, nel contenitore Dream 9 insieme alla serie One Piece. La serie viene distribuita in patria per l'home video dal dicembre 2015.
L'anime è il diretto seguito di Dragon Ball e Dragon Ball Z ed è collegato all'universo animato, poiché fa non solo uso di sequenze tratte dallo Z (in versione restaurata della serie Kai), ma utilizza i personaggi di circostanza che erano stati aggiunti all'epoca solo per la serie animata dallo staff del Bird Studio (spesso con il contributo prezioso di Akira Toriyama), quali Gregory, i discepoli di Mr. Satan (Karoni, Piroshiki e Piza), vengono riprese fisionimie e ambientazioni quali il Vegeta bambino con la capigliatura usata nell'anime e nel primo Special TV, Re Vegeta e la sua stanza reale, e menziona avvenimenti di circostanza che furono aggiunti, quali lo scambio dei corpi tra Bulma e il Capitano Ginew avvenuto su Namecc più l'arrivo di questi sulla Terra in forma di rana, e l'esperienza di Yamcha come giocatore di baseball.
In Italia i diritti sono stati acquistati da Mediaset e la serie viene trasmessa su Italia 1 dal 23 dicembre 2016.

MANGA
Dragon Ball Super è inoltre un manga disegnato da Toyotarō, sotto la supervisione di Akira Toriyama. La produzione dell'opera risale al 2015, quando Toyotarō (che aveva già realizzato l’adattamento manga del film Dragon Ball Z: La resurrezione di 'F') venne scelto da Akira Toriyama in persona per curare la parte grafica anche dell'adattamento manga di Dragon Ball Super. La serializzazione ha avuto inizio a partire dal numero del 22 giugno 2015 della rivista V Jump. Il manga è stato annunciato al Lucca Comics 2016 per approdare in Italia nel 2017 ad opera della casa editrice Star Comics.
Durante la produzione del manga, Akira Toriyama e Toyotarō lavorano separatamente, senza mai avere un contatto diretto. Toriyama, infatti, si limita a realizzare degli appunti e delle idee in formato testo su cui Toyotarō sviluppa gli storyboard e, successivamente, le singole illustrazioni. Toyotarō non può discostarsi più di tanto dalla storia ideata da Toriyama, ma in compenso ha una libertà creativa piuttosto larga da un punto di vista grafico.
Inizialmente la pubblicazione del manga anticipava gli avvenimenti dell'anime, ma essendo una serializzazione mensile e pur sintetizzando molto il primo arco narrativo e saltando totalmente il secondo, alla fine la trasmissione dell'anime ha superato il manga. Questa condizione porta a riscontrare molte differenze tra il manga e l'anime, in quanto la serie animata, in più di un'occasione, ha scelto di non specificare o di omettere dei dettagli perché non segue le linee guida del manga. L'opera cartacea, dunque, essendo indietro e controllata da Toriyama e Toyotarō, tende sia a snellire la narrazione, eliminando parti superflue, che ad aggiungerne altre che facciano chiarezza sui buchi narrativi presenti nell'anime. Per esempio, nel manga, al contrario dell'anime, viene specificato com'è nato il nome di Super Saiyan Blue (suggerito da Whis) e il motivo dei capelli rosa nella trasformazione di Black Goku (il Super Saiyan Rosé, infatti, non è altro che la versione Super Saiyan God Super Saiyan di Black Goku).

DOPPIAGGIO
Masako Nozawa ha ripreso i ruoli di Son Goku, Son Gohan e Son Goten[4]. Tutti i personaggi principali, antagonisti compresi, hanno le voci delle precedenti serie, eccetto quelli i cui doppiatori nel frattempo deceduti; in quel caso sono stati richiamati i doppiatori che li avevano sostituiti in Dragon Ball Kai, come ad esempio Hikaru Midorikawa su Tenshinhan, che sostituì Hirotaka Suzuoki, o di Unshou Ishizuka su Mr. Satan che sostituì Daisuke Gouri.
Joji Yanami, doppiatore giapponese di Re Kaio, del padre di Bulma e voce narrante della saga, è stato temporaneamente sostituito durante la trasmissione della serie dal doppiatore Naoki Tatsuta (già voce di Olong) a partire dagli episodi 12 e 13, a causa di un infortunio che aveva già influito negativamente sulle prestazioni del doppiatore, soprattutto su Re Kaio nelle puntate iniziali].

EDIZIONE ITALIANA
Il doppiaggio italiano della nuova serie è stato nuovamente affidato allo studio Merak Film di Milano per conto di Mediaset, che aveva lavorato a tutte le serie precedenti di Dragon Ball. Il precedente direttore del doppiaggio dell'anime Paolo Torrisi, deceduto nel 2005, viene sostituito da Graziano Galoforo.
Come per l'edizione originale, anche nel doppiaggio italiano sono stati richiamati i doppiatori delle precedenti serie laddove è stato possibile. Tuttavia il cambiamento più importante è quello della voce del protagonista Goku, che a causa della morte di Paolo Torrisi, è ora doppiato da Claudio Moneta. Poco prima dell'inizio del primo episodio, vi è stato un piccolo tributo a Torrisi. Infatti è stata trasmessa una scena di Dragon Ball Z in cui Goku scaglia un'Onda Energetica contro Majin Bu, seguita da una scena in cui Goku, con la nuova voce di Claudio Moneta, la scaglia contro Beerus. Tale tributo è stato pubblicato anche sulla pagina Facebook di Italia 1. Il deceduto Gianfranco Gamba, storica voce del malvagio Freezer viene sostituito da Federico Zanandrea e con la scomparsa di Monica Bonetto, storica doppiatrice di Trunks da bambino, anche quest'ultimo cambierà voce. Lo storico doppiatore di Piccolo verrà momentaneamente sostituito a causa di un intervento alle corde vocali.
La terminologia è rimasta invariata rispetto alle precedenti serie, tenendo i nomi modificati di alcuni personaggi (come Junior per Piccolo) e con la traduzione delle tecniche (per esempio Onda Energetica per indicare la Kamehameha). I dialoghi sono stati adattati in modo da glissare su argomenti di natura sessuale ed evitare riferimenti diretti al termine "dio", quest'ultimo sostituito con termini quali signore o entità superiore (sebbene il termine divinità venga pronunciato in alcune occasioni), ad esempio Lord Beerus è chiamato Signore della distruzione invece di Dio della distruzione.


 

22 Agosto 2017 - Scusate l'assenza causa vacanze :) ! Sono on line e subito disponibili per scaricare gli episodi 101, 102, 103 e 104 di Dragonball Super.

05 Agosto 2017 - E' stata aggiornata la Galleria Immagini con delle nuove immagini DB Comic.

 

AIUTACI A FAR CRESCERE IL SITO CON 1 CLIC !

 

Puoi donare anche 0,50 cents di Euro !

SonGokouSSJ4.com - Aiutaci a supportare il sito per tenerlo costantemente aggiornato e ricco di novita', puoi farlo con una piccola donazione nella massima sicurezza garantita dal circuito PAYPAL.

Basta cliccare il link qua sopra a sinistra con la voce DONAZIONE e seguire le indicazioni.Grazie.

 

 

 

 

 

Richiedi Affiliazione Dragonball Super Storia Contattaci Dragonball Super Storia Informazioni Contatta lo Staff